EMULATORE PER CALCOLATRICE NETRONICS N3000X

NETRONICS N3000X CALCULATOR EMULATOR

La rapida diffusione agli inizi degli anni '70 del secolo scorso delle calcolatrici elettroniche portò anche ad un fenomeno curioso e cioè quello dei kit da assemblare da parte di appassionati e di solito portato avanti da riviste di elettronica che già fornivano ai propri lettori svariati kit di amplificatori, multimetri digitali e così via. Dopo la prima calcolatrice venduta dalla Hewlett Packard (e cioè la HP-35 del 1972) e l'arrivo della prima programmabile sempre HP (HP-65) del 1974 vi furono ditte che si specializzarono nella fornitura di chipset completi in tecnologia MOS (cioè ALU - vedi schema sotto, ROM, RAM e chip per il display) così la ditta Netronics (ancor oggi esistente) fu in grado di fornire tramite la rivista "Popular Electronics" nel Maggio 1976 un kit completo per realizzare la propria calcolatrice programmabile.
            MPS7529-217 - 40 key programmable calculator, w/ memory
              _____ _____
             |     U     |
        D4 --| 1      40 |-- D3
        D5 --| 2      39 |-- D2
        D6 --| 3      38 |-- D1
       NC! --| 4      37 |-- Vdd
       NC! --| 5      36 |-- a
        D7 --| 6      35 |-- NC
        D8 --| 7      34 |-- b
        D9 --| 8      33 |-- c
       D10 --| 9      32 |-- d
       D11 --| 10     31 |-- Vss
       D12 --| 11     30 |-- NC
      SYNC --| 12     29 |-- e
      BUSY --| 13     28 |-- NC
  Ø1 (KMA) --| 14     27 |-- f
        Y1 --| 15     26 |-- g
        Y2 --| 16     25 |-- dp
        NC --| 17     24 |-- L
        Y3 --| 18     23 |-- NC!
        Y4 --| 19     22 |-- NC
        NC --| 20     21 |-- slide switch
             |___________|

    Notes: "NC!" - no external connection allowed.

La ALU della Netronics

 

Niente di paragonabile alle allora esistenti SR-52 e SR-56 della Texas Instruments e HP-25 e HP-65 ma comunque metteva chiunque, per meno di 100 dollari, in grado di iniziare a programmare: in ogni caso le caratteristiche erano molto interessanti e cioè 72 passi di programma con 10 memorie, 5 livelli di parentesi, funzioni di test e di salto (tasti SKIP e GOTO) e il solito corredo di funzioni scientifiche.

Nello stesso numero della rivista, tra l'altro, c'è anche un articolo interessantissimo sullo stato dell'arte delle calcolatrici programmabili di quel periodo (compare anche la mitica Litronix 2290....)

    

A sinistra la Privileg PR56D-NC e a destra il numero di Popular Electronics del maggio 1976. In basso a sinistra la N3000X e a destra la Santron 626.

    

Da questo kit che suscitò un grande interesse scaturirono anche dei modelli commerciali prodotti anche da altre case: la Privileg PR-56D, la Sanyo CZ-0911PG, la Santron 626 e la stessa Netronics con la N3000X. Tramite E-bay sono riuscito a procurarmi un esemplare della PR56D con il manuale in tedesco (!)

Ovviamente non poteva mancare il solito emulatore (sia a 16 che a 32/64 bit) che utilizza comunque il layout di tastiera del kit diverso da quelli dei modelli commerciali, ma essendo uguale il chipset, i programmi sono ovviamente intercambiabili.

Il modello seguito è quello per gli emulatori per la TI-59 (e simili): anche i file di esempio hanno estensione .SOA e sono importabili direttamente con il solito tasto F7.

Ecco comunque il link per scaricare l'emulatore: c-emul.rar

Nota: Il file compresso contiene gli emulatori sia per la Netronics che per la Litronix 2290.

 

HOME